venerdì 31 dicembre 2010

Perchè il computer non si accende premendo il tasto di accensione... quale può essere la causa?

Quando il computer NON SI ACCENDE non sempre bisogna allarmarsi, pare strano ma le cause...

...Alcune volte possono essere molto banali:


1) La spina del PC è attaccata alla corrente? Negli uffici si dà sempre la colpa alla donna delle pulizie (anche quando non è nemmeno entrata in ufficio) mentre a casa è più difficile trovare il capro espiatorio. Mi è capitato di constatare che l'utente con i piedi aveva distaccato il cavo di corrente dal PC  sotto la scrivania ...

2) Se è presente un gruppo di continuità (UPS) tra la presa elettrica e il PC, potrebbe essersi spento dopo un lungo black-out o addirittura guastato. In caso di guasto nulla vieta di attaccare il cavo di alimentazione del PC direttamente alla rete elettrica (almeno per il tempo della riparazione / sostituzione).

3) Non si vede nulla sul Display (monitor) perché è semplicemente spento! Sì, sono stato chiamato più volte perchè il PC dell'utente non partiva! Salvo poi scoprire che c'era semplicemente il monitor spento (sigh)! No comment...

3.1) A volte la fretta fa commettere dei guai!  Lo spinotto (VGA) di collegamento del Display al PC possiede dei contatti (pin) molto sottili e delicati, basta piegarne qualcuno forzando l'inserimento della spina e ... non si vede più nulla! Controllare sempre!!

4) La presa di corrente, la multi-presa, o la "ciabatta" sono guaste o semplicemente non arriva più corrente! Collegare il PC altrove... Un consiglio: evitate di collegare il PC, lo scanner, la stampante laser, la lampada alogena e la stufetta elettrica(!) tutti nella stessa multipresa!!! Solitamente la presa elettrica, prima si squaglia, poi, se va bene, fa scattare il salvavita.

5) L'alimentatore del PC (a volte) possiede un ulteriore piccolo tasto di accensione (I/O), che si trova nella parte posteriore del "case" del PC, e potrebbe essere stato semplicemente spento (O)! Portarlo nella posizione Acceso (I)

6) Verificare che la ventola dell'alimentatore giri correttamente. Scollegare il cavo di corrente dell'alimentatore poi utilizzare l'estremità del tubo di un aspirapolvere o una bomboletta di aria compressa per rimuovere la polvere interna.



...Altre volte invece le cause possono essere più serie ma comunque di semplice soluzione:

1) Il pulsante di accensione del PC si è rotto. Può anche succedere che il pulsante rimanga semplicemente "incastrato" e quindi faccia sempre contatto (sia sempre su ON) impedendo così il corretto avvio del PC. A meno di non darsi al bricolage per trovare un pulsante identico da sostituire, di solito, è più semplice sostituire direttamente tutto l'involucro esterno ("case").

2) L'alimentatore del PC ha subito un trauma elettrico (e forse si è anche guastato). Solitamente con guasti di questo genere la ventola di raffreddamento dell'alimentatore PSU (Power Supply Unit) non gira per niente. Ma altre volte la ventola potrebbe anche funzionare e nonostante ciò l'alimentatore guasto potrebbe anche non fornire una sufficiente quantità di energia elettrica al PC. 
In questi casi "dubbiosi" conviene, prima di tutto, provare a staccare il cavo di corrente esterno dall'alimentatore e a reinserirlo; alcune volte il PC riparte senza problemi.
Una seconda prova si può fare staccando il connettore interno dell'alimentatore dalla scheda madre (e reinserendolo). 
Se dopo queste due prove il PC non parte potrebbe essersi guastato l'alimentatore! In genere non è difficile sostituirlo in quanto ha dimensioni standard ATX Advanced Technology eXtended  15,25 cm x 12,7 cm 8,25 cm, però è importante sostituirlo con uno di potenza (Watt) uguale o superiore. In genere i nuovi alimentatori hanno doppi connettori sia per le nuove schede madri (a 20 o  24 poli) che per le vecchie schede madri (connettori P6). Anche i connettori di alimentazione per le periferiche (Hard disk, e lettori CD / DVD) possono essere differenti a seconda dell'interfaccia Parallel ATA o Serial ATA.
ATTENZIONE:
"Non aprire MAI un alimentatore se non sei un tecnico qualificato. Gli alimentatori contengono i condensatori, che potrebbero rimanere carichi anche a computer spento; toccandoli potresti prendere una forte scossa elettrica e farti del male."

3) Se il problema invece si presenta dopo uno spostamento del PC o dopo l'ispezione interna del PC, potrebbero essersi parzialmente distaccati alcuni componenti hardware interni (scheda video, scheda audio, ecc.) oppure potrebbe essersi disconnessa parzialmente la memoria RAM dal rispettivo slot della scheda madre. In genere il problema viene segnalato dal PC con alcuni suoni (BEEP) dell'altoparlante, ma in alcuni casi potrebbe anche essere silenzioso! 
In ogni caso (dopo avere staccato il cavo di corrente dal PC!!!) si può aprire il case del PC e verificare che tutte le schede e la RAM siano per incastrate nei rispettivi slot (al limite togliendole e rimettendole). Successivamente si può verificare che tutti i cavi e i connettori dell'alimentatore e dei dati verso la scheda madre e verso i dischi fissi, cd rom e floppy drive siano opportunamente collegati.

4) Il freddo e il gelo! Sì, in alcuni ambienti molto freddi, che non vengono riscaldati a sufficienza nella notte o nel fine settimana (ad esempio stabilimenti produttivi), si può raggiungere una temperatura talmente bassa che il PC non riesce a "partire". In alcuni casi la ventola della CPU e/o dell'alimentatore si accende ma non inizia il boot. E' sufficiente riscaldare il PC, al limite utilizzando una stufetta elettrica (non troppo vicino) per accelerare i tempi, e dopo alcuni minuti si accende regolarmente. 

5) Nei notebook potrebbe esserci la batteria scarica, usurata o guasta. In genere il PC parte lo stesso se si alimenta dalla rete elettrica (eventualmente estraendo il pacco batterie dal notebook). Altrimenti è necessario sostituire la batteria con una compatibile (non necessariamente originale).

©RIPRODUZIONE RISERVATA

AMAZON ADS