venerdì 23 settembre 2011

Errore della stampante 🖨️: Spooler SubSystem App

Problema:
Improvvisamente, accendendo il PC non ci sono più stampanti disponibili e compare una finestra di Errore con il messaggio: "Si è verificato un problema che ha richiesto la chiusura di Spooler SubSystem App".
Soluzione:
1) Se non è già stato completamente arrestato a causa dell'errore, arrestare il servizio "Spooler di Stampa":
Cliccare START -> pannello di controllo -> strumenti di amministrazione -> servizi.
Poi individuare il servizio "Spooler di Stampa", cliccarci sopra con il tasto destro del mouse e premere su "ARRESTA".
2) Cancellare tutti i file contenuti nella cartella: C:\WINDOWS\system32\spool\PRINTERS\
3) Dopo alcune decine di secondi il sistema operativo cerca di riattivare automaticamente il servizio "Spooler di Stampa".  Se così non fosse ritornare sul servizio "Spooler di Stampa" e, cliccandoci sopra con il tasto destro del mouse, premere su "AVVIA". 
4) A questo punto nella cartella stampanti e fax dovrebbero essere ricomparse "magicamente" tutte le periferiche. 

ESPERIENZA PERSONALE:
In un caso mi è capitato di vedere che il problema persisteva anche dopo avere effettuato tutti i passaggi sopra-descritti sul PC. Successivamente sono riuscito a individuare la stampante che causava l'errore... era un fotocopiatore di rete. E' bastato "spegnere e riaccendere" il fotocopiatore! Il quale ha cominciato a stampare tutti i documenti rimasti in coda e provenienti da altri PC. Evidentemente lo spooler del fotocopiatore era saturo di documenti e il driver presente nel PC non riusciva a gestire il problema correttamente.


©RIPRODUZIONE RISERVATA

giovedì 22 settembre 2011

UARS cadrà il 23 settembre? Tracciamento in tempo reale (o quasi)

Si chiama Upper Atmosphere Research Satellite (UARS) il veicolo spaziale NASA che sta per rientrare nell'atmosfera terrestre disintegrandosi, Esso attraverserà probabilmente anche l'Italia, e alcuni suoi frammenti potrebbero non disgregarsi completamente prima di raggiungere il suolo, pertanto la Protezione Civile è allertata. 

"Sulla base degli ultimi dati forniti dall’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), la previsione di rientro sulla terra è centrata intorno alle 19:15 (ora italiana) di venerdì 23 settembre, con una finestra di incertezza che si apre alle ore 13:00 del 23 settembre e si chiude alle ore 05:00 del 24 settembre. All’interno di questo arco temporale, non è ancora possibile escludere la remota possibilità che uno o più frammenti del satellite possano cadere sul nostro territorio"
Fonte e Maggiori informazioni sul sito della Protezione Civile Italiana.
Nel frattempo (prima del rientro) è possibile vederne la rotta in tempo reale sul sito: http://spacetrack.xientific.info/#tracker
Per vedere il satellite UARS:
1) selezionare "100 (or so) Brightest" su Filter By Type
2) scrivere  "UARS" nella barra Filter by name or ID.
Nello stesso sito è possibile vedere in tempo reale il tracciamento di molti altri satelliti e oggetti (più di 6000). 

Un'altro sito che mostra il tracciamento è: www.n2yo.com

Su www.aero.org sono indicate informazioni aggiornate in tempo reale sulla rotta del rientro.

Sul sito di Thierry Legault è invece possibile vedere le immagini telescopiche ed il video del satellite in avvicinamento.

Per chi volesse approfondire il lato "sensazionalistico" della notizia segnalo un link sul blog  "Il Disinformatico".

*Aggiornamento (23 settembre 2011): Considerato il crescente interesse per UARS, alcuni di questi siti potrebbero essere non raggiungibili a causa dell'enorme traffico.
Per aggirare il problema si può installare Google EARTH e si può scaricare il file KMZ con l'elenco dei Satelliti da qui (AGI) In questo modo selezionando il satellite UARS è possibile vedere il percorso teorico del satellite almeno sino a quando inizierà a disintegrarsi.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

mercoledì 7 settembre 2011

COME RISPARMIARE: con PC, Notebook, Display

Quali strategie adottare per risparmiare su corrente elettrica e usura dei componenti elettronici?

1.0 - ELIMINARE GLI SPRECHI DI CORRENTE 
Eliminare gli sprechi di corrente elettrica evitando di lasciare accesi tutta la notte, nel week end o per lunghi periodi di inattività (ad esempio nelle vacanze estive) ogni tipo di apparecchiatura elettronica inutilizzata. Quindi i Personal Computer, i relativi Monitor / Display ed eventualmente anche i Gruppi di Continuità UPS vanno sempre spenti all'uscita dal lavoro (al limite si può programmare il loro auto-spegnimento). Si devono staccare gli alimentatori / caricabatterie dei cellulari dalle prese di corrente (così non consumano corrente inutilmente e si usurano meno). Per gli stessi motivi è meglio staccare dalle prese gli alimentatori di tutte le apparecchiature elettroniche usate raramente come: Scanner, Dischi esterni, Modem, Router, ecc. 
Staccando completamente la spina dal muro si è sicuri di eliminare ogni consumo (oltre che di prevenire guasti dovuti a sbalzi di corrente o fulmini). Al contrario, per alcuni PC, pur spegnendoli dal pulsante principale On / Off, è possibile che si mantenga un consumo seppur minimo dovuto alle inevitabili dispersioni dei componenti elettronici e/o all'opzione di accensione da remoto attraverso le funzioni "Wake on Lan" o "Wake on Ring" (consumo di circa 5 Watt).
Spegnere completamente un'apparecchiatura elettronica (quando non serve) è la forma di risparmio energetico più economica e più intelligente che possa esistere!


2.0 - RIDURRE I CONSUMI DI CORRENTE
Ridurre i consumi di Monitor e PC adottando le funzionalità di Sospensione / Standby  o Risparmio energetico (consumo di circa 10 Watt). Questa modalità a basso consumo può ridurre gli sprechi anche fino al 90% e può riattivare il PC in tempi molto rapidi. Il Display entra già in Standby ogni volta che si spegne il PC ad esso collegato, tuttavia è possibile impostare il Sistema Operativo per comandare l'attivazione dello Standby, sia del Display sia dello stesso PC, dopo un periodo di inattività predefinito (ad esempio dopo 10 minuti). Alcuni PC possiedono anche la funzione di Ibernazione, soprattutto i Portatili (Laptop, Notebook e Netbook) la quale permette di ridurre i consumi quasi al 100% ma impiega più tempo per riattivare il sistema. Infine alcuni PC desktop possiedono la funzione "Sospensione Ibrida" che è appunto una combinazione delle due funzionalità precedenti. Per accedere a queste caratteristiche il PC deve avere le relative funzioni già attivate a livello di BIOS (Basic Input/Output System), e, da sistema operativo, si deve impostare la "gestione dell'alimentazione" o di "risparmio energia"
Nota bene: è meglio disattivare il "Salvaschermo" (ScreenSaver) perché consuma più dell'oscuramento del Display.


3.0 - SOSTITUIRE L'HARDWARE
Sostituire i monitor CRT (a tubo catodico) con quelli LCD (a cristalli liquidi) o LED che a parità di dimensioni consumano molto meno della metà e permettono quindi di risparmiare energia!


4.0 - AGGIORNARE L'HARDWARE
Anziché sostituire il vecchio PC perché è troppo lento, provare ad aggiornarlo seguendo queste indicazioni: "Come aumentare le prestazioni del PC (hardware)?"


5.0 - RIDURRE L'USURA DELL'HARDWARE
Ridurre il numero di periferiche collegate al PC quando si ritiene di non utilizzarle nell'immediato, in modo da attenuarne l'usura e il consumo energetico. Ad esempio le Chiavette USB Drive, gli hard disk esterni collegati via cavo USB, le chiavette Wi-FI, Bluetooth e 3G/4G connesse via porta USB sono tutte periferiche che assorbono energia anche quando non vengono attivamente utilizzate. In particolare il modulo Wi-Fi e i moduli Bluetooth e 3G anche quando sono integrati internamente al PC dovrebbero essere attivati solo all'occorrenza, proprio perché, altrimenti, consumerebbero energia anche quando non attivamente utilizzati nella navigazione online o nel trasferimento di dati.



Leggi anche: COME RISPARMIARE: con Stampanti, Fax e Fotocopiatori

©RIPRODUZIONE RISERVATA